I Nostri Eventi:

La Confraternita del Leone organizza da anni più eventi a Brescia e provincia.
Per il 2019 festeggiamo i XV anni di "A.D. 1238 Federico II e l'assedio di Brescia" e il XX anniversario dei "Celtic Days i dè dei Selti".
Brixiaevolution II "Da Cidno a Pietro dei Lanciotti". La storia di Brescia come non l'avete mai toccata!
Le pagine specifiche le trovate cliccando sulle immagini!
Siamo disponibili a collaborazioni in ambito storico con tutti i soggetti che amano tenere vive le tradizioni!

Programma Brixiaevolution Ed.II "da Cidno a Pietro dei Lanciotti" 27/10/19.

Esposizione temporale daI IV secolo a.C. al XII secolo d.C. dei periodi significativi della storia bresciana con allestimento di postazioni storicamente filologiche dove interagire con i rievocatori. Il visitatore avrà la possibilità di andare alla scoperta della storia delle genti che hanno abitato la città e la provincia. Celti, romani, longobardi e tutto il periodo medievale, rinascimento ed omaggio a Leonardo Da Vinci, mercenari e Lanzichenecchi, per terminare con l'influenza della Repubblica di Venezia. Assisterete a scene di vita civile e militare, storie d'assedi e sacchi, di amori e cucina lunghe 1000 anni di evoluzione!

Lezioni di scherma aperte al pubbico alle 11 e alle 14 e alle 16. L'evento è aperto e dedicato a tutti ed ha ingresso libero. Orari dalle 10 alle 18 presso il Casello di Brescia.

Facciamo la Storia. Ma non solo...

La Confraternita del Leone è un’ASD che oltre alle attività sportive è impegnata dal 1999 nel settore della ricostruzione storica, con l’obiettivo di studiare, rivivere e divulgare la storia lombarda, con particolare attenzione a quella di Brescia e delle popolazioni che l’hanno abitata nei secoli.

Le ricerche dei nostri studiosi spaziano senza limiti nella ricca e complessa storia locale, dal neolitico all’epoca degli Stati preunitari, ma l’aspetto rievocativo e didattico si concentra sui periodi dal IV al I secolo a.C. in cui furono protagonisti Reti, Celti e Romani, quindi sul secolo VIII dei Longobardi, sull’età dei Comuni e delle Signorie del XII e XIII sec e infine sul XVII sec. e l’epoca dei bùli e delle cernite durante la Repubblica di Venezia.

La ricerca storica della Confraternita del Leone si articola su tre differenti e complementari piattaforme di studio, la cui finalità è raggiungere dei risultati di globalità analitica in grado di estrinsecare degli spaccati storici di corretta filologicità e, ove possibile, di assoluto realismo e scientificità.

Istituto di ricerca storica, è il tassello basilare dell’attività associativa, il primo passo dello studio, l’approccio alle fonti, la parte teorica di analisi dei testi, delle miniature, dei bassorilievi, dei reperti archeologici, ossia di tutta quella mole di materiale da cui si traggono le tesi che danno linfa vitale alla pratica, all’applicazione e alla sperimentazione.

Laboratori di archeologia sperimentale, sono l’elemento successivo e di complemento alla ricerca storica, hanno la finalità di provare, confermare o confutare le ricerche teoriche; sono quindi testati vari manufatti nella loro creazione e utilizzo. Si va per esempio, dalla realizzazione di un indumento in lana con un telaio verticale alla battitura del metallo per l’ottenimento di una spada, dalla coniazione a freddo di monete, al testare la resistenza di una cotta di maglia all’impatto di una freccia. I risultati di queste ricerche possono essere di notevole utilità a musei ed istituzioni accademiche che sono in questa maniera supportati da esperti “sul campo”.

Accademia di antiche arti marziali occidentali, affianca i laboratori archeologici nel complemento alla ricerca storica, con la differenza che è rivolta all’aspetto strettamente marziale dello studio. Si parte dall’analisi di manuali e antichi trattati, e si unisce la pratica dell’arte marziale in esame all’utilizzo di armi ed equipaggiamenti che, nei materiali, pesi, misure e fattezze, riproducono più fedelmente possibile gli originali; si applicano poi specifici accorgimenti per garantire la sicurezza degli atleti.

Con questo approccio ci si adopera dunque per far rivivere discipline marziali con armi bianche quali ad esempio mazza, lancia o spada; con armi da lancio come giavellotto, arco, balestra o fustibale, di combattimento a cavallo, sia dell’età antica che del medioevo ed infine di tattica di battaglia, col confronto e l’interazione di diverse unità militari specializzate, tipo fanteria leggera e pesante, arcieri o cavalieri, in campo aperto.

I risultati della ricerca e della pratica della Confraternita del Leone sono poi utilizzati in numerosi settori, tra i quali segnaliamo:

  • Servizi didattici per scuole primarie e secondarie in cui alcuni associati tengono lezioni di storia vivente sull’evo antico e medio accompagnandole con dimostrazioni pratiche.

  • Consulenza storica e marziale per produzioni cinematografiche e documentaristiche, tra cui King Arthur, Homini et fanciulli in arme, Barbarossa, Robin Hood (R.Scott), 11 settembre 1683, I Borgia, Rai 2 (Voyager; Mezzogiorno in Famiglia), Rai 1 (Paese che Vai), History Channel.

  • Realizzazione dei libri -A.D.1238 Federico II e l’assedio di Brescia- e -Brixia Anno Domini- della Collana “Il Ruggito” testi  rispettivamente sulla storia dell’assedio della città del 1238 e sulla cultura celtica cenomane.

  • Collaborazione con pubblicazioni di settore come Medioevo della De Agostini, Fabbri, Historiae Brixianae, Le Guerre; segnaliamo “I Guerrieri dell'Italia Antica”  e “Le Guerre dei comuni contro l'Impero 1176-1266” di G.Esposito.

  •  Ideazione e realizzazione di rievocazioni di specifici eventi storici tra cui “A.D. 1238 Federico II e l’Assedio di Brescia”, “A.D. 1239 Federico II contro Milano” e “A.D. 1176 la Battaglia di Legnano”, ecc.

  •  Realizzazione  e partecipazione a festival di ricostruzione storica come “Celtic Days” e “Camunia Keltic Festival”, "Camunerie", "I giochi medievali del Trentino", "Palmanova", "Città del Sole", ecc.

  • Partecipazione come unico gruppo lombardo, alla sfilata storica "delle Marie" a Venezia.

  • Organizzazione eventi come Celtic Days, Brixiaevolution I sull'escursus della storia militare bresciana e Brixiaevolution II sull’evoluzione civile della società locale bresciana; Samonios con cerimonia del capodanno celtico, Spiriti nella Storia, sui personaggi storici bresciani di rilievo. 

  • Organizzazione di mostre dedicate alla Storia vivente (Living History) e all’archeologia sperimentale.

  • Collaborazione 2019 con l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia, per la ricostruzione storica dei soldati romani raffigurati nella grande pala d’altare, denominata “Crucifige”, che rappresenta il momento della crocifissione di Cristo. È un omaggio alla canonizzazione del Papa bresciano del 14 ottobre dello scorso anno, nel quale si legge tutto il suo ministero attraverso la contemplazione dell’opera salvifica della croce. L’opera si compone di una scena centrale che raffigura l’attimo dell’innalzamento in croce di Gesù Cristo per opera di due coppie di garzoni dei quali si percepisce l’enorme fatica. Sotto la croce si trova il compianto doloroso della madre Maria sorretta da due donne consolatrici. L’accentuata curvata della Madre ricorda all’atteggiamento dolente del parto: sotto la croce ella ha dovuto nuovamente dare alla luce il Figlio per la salvezza dell’umanità. Simmetricamente disposti vi sono i due ladroni e le scene di matrice evangelica: da una parte un gruppo di soldati mentre si giocano le vesti di Gesù e dall’altra il centurione romano a cavallo, che di lì a poco trafiggerà con la sua lancia il costato del Crocifisso. San Paolo VI, colto in atteggiamento di adorazione verso il mistero di salvezza in atto, è ritratto in ginocchio, con le braccia spalancate come a richiamare la croce; un atteggiamento tipico del pontefice ma che richiama spiritualmente la sua personale conformazione al mistero della Redenzione. “Holy Brixia” è esposta sino al 22 aprile 2019. Il coordinamento del progetto è stato affidato ad Adriano Rossoni, docente dell’Accademia Santa Giulia. https://www.accademiasantagiulia.it/notizie-eventi/progetti-studenti-accademia/crucifige-progetto-pittura-commemorativo-di-papa-paolo-vi

  • Attiva collaborazione con la Fondazione Brescia Musei.  Nel 2019 "Longobardi in Vetrina. 15 mostre per conoscere i Longobardi" presso il museo di Santa Giulia (BS). Prestito di una riproduzione reale di un abito da duca longobardo completo di armatura, armi e abbigliamento,  esposta nell'area dedicata ai longobardi.

Nel partecipare ad eventi storici la Confraternita del Leone allestisce un accampamento medioevale di circa 700 metri quadrati (e di poco inferiore per gli eventi dell’età precristiana), dispone di vari antichi mestieri dimostrativi con artigiani all’opera tra cui il fabbro con la forgia, la tessitura a telaio, la macinazione di cereali, l’usbergaro, lo speziale, il cerusico, la zecca, il cambiavalute, il cuoiaio, il casaro e il costruttore di candele,ecc 

In rievocazione (a seconda dell'evento) sono schierati arcieri, balestrieri, fanteria leggera e pesante, celti liberi combattenti, legionari, moschettieri, picchieri e poi armi a grandezza naturale quali catapulta,mantelletti, ariete, trabucco, colubrina...

 

 

 

 

 

 

 

 

I nostri corsi annuali di scherma e tiro con l'arco

Come ASD siamo impegnati con i corsi di scherma e di tiro con l'arco, con l'ausilio di corsi annuali in provincia di Brescia. L'adesione è aperta a tutti

La Confraternita del Leone, affiliata CSEN   (Centro Sportivo Educativo Nazionale – Educare con lo Sport), segue un’antica arte di combattimento sia per il corpo che per l’anima: la scherma storica.

Questa disciplina insegna le antiche arti del maneggio della spada, dello scudo, delle lance e di tutto quello che correda un fante o un cavaliere per l’epoca a cui fa riferimento.

Nei nostri corsi offriamo diverse possibilità di approccio all'apprendimento di questa meravigliosa disciplina, affrontandola sia dal punto di vista tecnico che da quello culturale/storico.


Si imparerà come muoversi in fanteria marciando secondo i comandi impartiti dai “sergenti/serragenti” migliorando l’abilità dei movimenti in gruppo e l’efficacia degli attacchi nelle coreografie.

A livello di scherma si impareranno ad affrontare duelli  per il confronto tra singoli e per tornei di spada organizzati durante i vari eventi che proponiamo o che ci vengono richiesti.

Con noi potrete inoltre imparare e seguire le tecniche di tiro con l'arco antico e partecipare a eventi e tornei d'arceria.

Dove e quando?

Il lunedì sera dalle 20,30 alle 22,30 presso la palestra di Brescia in via Micheli n. 4, traversa di via Lamarmora;   

Referente: Tamara 338 130 7145

Il giovedì sera dalle 21,00 alle 23,00 presso la palestra di Villa Carcina (BS)  in via Trafilerie n. 47 .   

Referente: Manuel 338 677 7203 

 La Nostra Didattica per gli istituti Scolastici

Insegnare gli antichi mestieri di tutti i giorni di un tempo alle nuove generazioni.

​Questo è il nostro leit-motive.

Ma come si viveva? In modo molto diverso!

Chideteci e vi stupiremo!

Abbiamo postazioni didattiche filologiche: cerusico, armaiolo, scrittura, cucina, forgia, tessitura, telaio e tanto altro...

Corsi di scherma medievale di base per bambini.

L'emozione più grande?

Vedere lo stupore negli occhi delle nuove generazioni...

​​

©confraternita del Leone ASD

  • #Confraternitadelleone
  • Facebook Classic
  • icona_youtube.png
  • imagescastel.jpg
  • triskel2.jpg
  • logo_confraternitaleone.png